13/1/2016 Dopo COLONIA ?…

Sembra che dopo i fatti di Colonia…ecc.i governi ed i giornali scoprano l’acqua calda…

Facciamo alcune considerazioni sulla questione:

1- considerazione :Era ed è facilmente supponibile che SUI 2.000.000 di MIGRANTI arrivati in Europa negli ultimi i due anni, almeno 200.000 arrivino da zone di guerra, come ex combattenti in fuga e con esperienze forti (e anonime) alle spalle, esperienze fra le quali lo STUPRO come reazione d’impulso animale, è solo una delle tante…

2- considerazione :Il CONCETTO DI DONNA…., Nell’ ISLAM è collegato all’oggetto di piacere fisico ed ha le proprie radici nella pratica usuale della poligamia, che cambia completamente il rapporto fra i sessi.Il contrasto con la fede cristiana è forte..
Il Cristianesimo riconosce un solo rapporto tra un maschio ed una femmina, come BASE DELLA VITA SOCIALE e lo sublima nel matrimonio religioso, trasformandolo in strada di crescita spirituale.

Purtroppo l’allargamento dell’uso della POLIGAMIA che Maometto adottò in quel momento storico,come rimedio alla riduzione di uomini,quindi per favorire le donne arabe si è cristallizzato nel tempo ed è arrivato fino ad oggi in molte nazioni africane, lasciando dietro di sé (anche nei paesi che l’hanno abbandonato negli ultimi 50 anni) una grossa sfasatura nel rapporto uomo donna,,

3- considerazione :Il visualizzare LA DONNA come un SOGGETTO che dev’essere SOTTOMESSO AL MARITO ed all’occorrenza EDUCABILE A SUON DI SBERLE (pare che sia normale in Africa)è un’altra forma di decadimento del tipo di rapporto all’interno della coppia..Rapporto nel quale il maschio dovrebbe avere un naturale ATTEGGIAMENTO DI PROTEZIONE, di difesa, di forza psichica…di virilità etica e morale ,allo scopo di permettere alla propria compagna di svilupparsi pienamente nel FEMMINILE..cioè nell’intuito,nella ricchezza di sentimenti, di donazione, di tenerezza,di sensiblità, di creatività.che contraddistinguono naturalmente la PSICHE FEMMINILE nella vita di tutti i giorni. ..

Ed è esattamente quel che chiedevamo noi femministe ,in modo confuso, già nel 1968 . L’intenzione dei MOVIMENTI FEMMINISTI ERA QUELLA DI INIZIARE AD IMPRIMERE LA SOCIETÀ AL FEMMINILE…insomma la PARITÀ DIGNITÀ nel rispetto ARMONIOSO DELLE DIFFERENZE…
Invece col passar degli anni, fin dalla scuola siamo scivolate nell’imitazione dei comportamenti dei maschi in tutti i sensi ed a tutti i livelli..,la qual cosa ha virilizzato le donne e la loro visione della vita ed ha portato ad un aumento dell’atrito e della conflittualità nei rapporti coi compagni e di conseguenza coll’aumento di relazioni precarie, di famiglie sfasciate, separazioni e divorzi ..È evidente e poco colmabile il divario fra la visione europea della donna e quella islamica.

4- considerazione: Oggi sia le DONNE che gli uomini faticano a RICONOSCERSI nei RISPETTIVI RUOLI, ed in questa situazione di disorientamento e di conflittualità si inserisce l’immigrazione islamica, prevalentemente costituita da UOMINI GIOVANI, soli, senza denaro e con difficoltà oggettive ad instaurare un rapporto affettivo sul territorio, quindi con anche con stimoli affettivi e sessuali che nei loro paesi d’origine vengono risolti con MATRIMONI PRECOCI, in giovane età..mentre qui questo non è possibile.

5- considerazione:La maggior parte dei migranti proviene da paesi dove la LEGGE È VELOCE, rigida e con PENE PRESTABILITE..e dove, inoltre, il vincolo religioso costituisce on forte freno agli impulsi emotivi, anche sessuali..Gli immigrati africani, una volta qui, hanno la sensazione e si convincono ( ed hanno ragione..) che l’ITALIA sia una nazione senza regole, senza leggi e comunque senza l’immediatezza, la chiarezza e la CERTEZZA della PENA.

Molti entrano nello spaccio, per il quale le pene, tra un indulto e l’altro, sono quasi umoristiche…Senza il CONTROLLO RELIGIOSO imparano a fumare, ad ubriacarsi,ed acquisiscono lentamente il modo di pensare..”tutti i diritti, nessun dovere” cHe è tipico di certi colori politici..È molto difficile che s’inseriscano a breve termine nel lavoro, per difficoltà concrete, che esamineremo più avanti.

5- considerazione :La presentazione scadente della donna che i MEDIA propongono ai teleutenti. .Infatti malgrado nella direzione RAI vi siano già state delle donne,ed attualmente vi sia la Maggioni, vediamo che le donne , nella TV pubblica ed in quelle private,sono spesso mostrate in abbigliamenti succinti e poco decorosi. ..Per non parlare dei FILMS che si fan passare per moderni nel presentare scene di sesso selvaggio dove sembra che le donne facciano a gara con gli uomini su chi si sfila più in fretta le mutande..Ed a questo aggiungiamo i PORNOCALENDARI..Il più noto è quello della PIRELLI, che con la scusa della “bellezza” femminile mette a bella vista tette e natiche..Scusate, ma le donne vestite sono proprio brutte?…

M’INTERESSA conoscere la VOSTRA OPINIONE e aspetto suggerimenti.Cordialità..P. Cavagnino