Modificare l’Assegnazione Di Appalti e Sub Appalti

vendere oro in tempi di crisiDobbiamo allargare la possibilità di lavorare a tutte le categorie di lavoratori, cosa questa che partiti di solito non considerano… il Partito Democratico si preoccupa soprattutto degli operai che hanno avuto  CASSA  INTEGRAZIONE  a GOGO e questo è giusto e doveroso, per non lasciare la gente senza lavoro e nella disperazione… ma esistono anche  altri lavoratori,  come gli  AUTONOMI , i PICCOLI  NEGOZIANTI , i PROFESSIONISTI  , che non hanno avuto alcun paracadute… e che sono stati praticamente rovinati da questi cinque anni di crisi…

E parecchi di loro oltre a non ricevere aiuti né dal governo, né meno che mai dalle banche, continuano ad essere tacciati di evasori fiscali, di frodatori del fisco.. i quotidiani hanno spesso riportato articoli che denunciavano diciamo scandalizzati come gioiellieri, professionisti, piccoli e medi imprenditori abbiano denunciato guadagni inferiori a quelli dei loro dipendenti…. Possibile che nessun giornalista capisca che in un periodo di crisi  LA  GENTE  TENDE  PIU’  A  VENDERE l’ ORO  che a  COMPRARLO ?

Possibile che nessuno si renda conto che un imprenditore serio, amante della sua attività, abituato a fare , a concretizzare e soprattutto che si è fatto da solo sia disposto ad impegnare tutto fino all’ultimo euro per tenerla in piedi e provi un senso di GRAVE  RESPONSABILITA’   nei confronti delle famiglie che lavorano nella sua ditta ? . Tanti imprenditori si sono uccisi travolti dall’angoscia di dover lasciare casa delle famiglie  che lavoravano lì da anni. …Chi ha provato mi capisce.

E nei GRANDI APPALTI ?  Per la costruzione di autostrade, ponti, edifici pubblici… Di solito vengono affidati ad imprese che garantiscono grande liquidità di denaro. E si assumono la responsabilità di realizzare tali lavori in proprio.  E che sono quasi sempre le stesse…
Però spesso si innesta un MECCANISMO  PERVERSO   perché queste imprese vincono la gara d’appalto, poi a loro volta invece di eseguire direttamente i lavori li SUBAPPALTANO a subappaltanti i quali comunque magari non eseguono i lavori ed a loro volta li subappaltano…. insomma per ogni tipo di lavoro di eseguire ci troviamo con un appaltante e con tre, 4,5 subappaltanti..  gli ultimi dei quali sono quelli che seguono effettivamente la costruzione..

E come la eseguono? di solito ad un PREZZO  BASSISSIMO , ovviamente a  COTTIMO   perché altrimenti non ci starebbero nel prezzo pattuito , e quindi in modo molto veloce e senza andare troppo per il sottile.

Questo susseguirsi di appalti e subappalti è la causa principale di grandi lavori fatti male, lavori che dopo qualche anno sarebbero da rifare , ovviamente a spese dello  STATO perché poi se i responsabili governativi interessati cioe’ Comuni, Province , Regioni ,  chiedono la riparazione oppure il rifacimento dei lavori non eseguiti a regola d’arte, inizia la CATENA delle CITAZIONI…… l’impresa appaltante in primis cita la seconda, la quale cita la propria subappaltante  o i propri subappaltanti e così via e FINISCONO  TUTTI  in  TRIBUNALE  PER  ANNI  , in processi ETERNI… con un continuo rimpallo di responsabilità. . Intanto magari l’ultima o  la penultima delle imprese falliscono perché erano quelle che lavoravano sul filo del rasoio come guadagno… ed alla fine riuscite  a capire  chi ci rimette ?
Ovviamente NOI, popolo italiano…Che ci ritroviamo con lavori da rifare e naturalmente da pagare e ripagare.. oppure inutilizzati per anni e praticamente rovinati  dall’ incuria e sprecati ..

Consiglio chi voglia acculturarsi di seguire i dossier della rubrica REPORT diretta dalla Gabanelli…

E’ ora che questo sistema dannoso e dispendioso cambi. In che modo?

La risposta è abbastanza semplice:  CHI  VINCE  UN  GRANDE  APPALTO ASSUMA DIRETTAMENTE tutti i lavoratori e ne risponda in toto, sia per i lavori realizzati in Italia che per quelli realizzati all’estero. Oppure, nel caso di edifici, li esegua tramite l’utilizzo esclusivo delle cooperative comunali del posto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *