PROPOSTA di LEGGE per REGOLAMENTARE LA PROSTITUZIONE

PROPOSTA DI LEGGE PER REGOLAMENTARE LA PROSTITUZIONE

Perché una proposta di legge sulla prostituzione ?

Perché non vogliamo più essere complici per impotenza, dello sfruttamento, della riduzione in schiavitù, della sofferenza che accompagnano almeno il 50% delle donne indotte in Italia a prostituirsi.

Da troppi anni assistiamo al decadimento etico che HA TRASFORMATO le nostre strade, le strade di questo splendido paese conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo per le sue bellezze naturali, per le sue ricchezze storiche, per i colori mozzafiato delle sue valli, dei suoi monti, delle sue coste, dicevo LE NOSTRE STRADE .. LE NOSTRE VIE … LE NOSTRE PIAZZE… IN UNA CASA DI PROSTITUZIONE A CIELO APERTO.

E qui TROPPE DONNE, soprattutto straniere, RUMENE..ALBANESI..AFRICANE.. sono costrette a seguito di violenze sessuali, di minacce sulle famiglie d’origine a vendere il proprio corpo.. sono costrette ad ABORTI CONTINUI.. a vite senza scampo trascorse nella speranza di recuperare il denaro necessario a tacitare i propri aguzzini ed a riacquistare un po’ di futuro.. se le malattie contratte non le uccidono prima.
In ITALIA ABBIAMO CIRCA 100.000 SCHIAVE DEL SESSO STRANIERE !!! QUESTA TRATTA E’ UNA VERGOGNA …Una delle schiavitu’ moderne piu’ offensive per le donne!

Perché complici per impotenza ?
Perche’ sino ad oggi siamo stati costretti ad assistere con grande tristezza ad un qualcosa di ingiusto, che non condividiamo, che non fa parte del mondo nel quale vogliamo vivere , un mondo più giusto , più onesto, più rispettoso verso le persone , soprattutto verso le donne,( le quali pur costituendo oltre il 50% della popolazione italiana sono spesso valutate e considerate al 50%..)
Un mondo più gioioso… nel quale i nostri figli possano camminare serenamente per strada a qualsiasi età senza essere coinvolti in comportamenti ed atteggiamenti non adatti alle loro età e che in pratica rubano loro l’infanzia e la fanciullezza….
Un mondo nel quale le donne possano uscire tranquillamente a qualunque ora del giorno senza rischiare fraintendimenti……

Oggi, per i cambiamenti che sono avvenuti intorno e soprattutto dentro di noi e poiché molti ministri ed onorevoli hanno chiesto consigli per uscire da questa crisi, ci sentiamo in dovere di intervenire e lo facciamo con la forza e la convinzione di presentare una PROPOSTA DI LEGGE che porterà più chiarezza, più serenità…
…E soprattutto più salute, perché più controllo e quindi un maggiore benessere psicofisico nella vita dei cittadini…
oltre che un notevole contributo al miglioramento della situazione economica del paese per l’ aumento di cittadini che pagheranno le tasse.

Proponiamo e chiediamo che la prostituzione sul territorio italiano sia sottoposta a controlli precisi, nell’ambito di una legge che la regoli, e che tenga presenti sia l’esigenza di salute dei cittadini, sia l’ineliminabile rispetto per la possibilità di scelta delle persone, , sia per la salute ed una migliore qualità di vita delle donne che intendano esercitare tale attività.

Ricordiamo che la prostituzione è strettamente collegata, come dimostrato dai fatti, alle violenze carnali usate per convincere le donne con la minaccia,ed e’ anche legata allo SPACCIO DI DROGA, AL FURTO, AL RICATTO..

Essa POTENZIA ED ALIMENTA le VARIE ATTIVITA’ CRIMINALI, spinge gli uomini a comportamenti disumani ed e’spesso pericolosa sia per la salute delle donne ( in quanto molte volte costrette a rapporti non protetti ) che per la salute dei cittadini che vi ricorrono..(I quali poi spesso CONTAGIANO MOGLI E COMPAGNE.) ED INCREMENTANO LA DIFFUSIONE DELL’ AIDS, DELLE EPATITI, DELLA SIFILIDE e delle varie malattie sessuali che sono in costante aumento.

Ordinare la prostituzione nell’ambito di legge SIGNIFICHERA’ quindI RIDURRE GLI ALTI COSTI SPETTANTI AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per contagi e malattie varie… ridurre la cifra notevole che viene spesa tutti gli anni nell’INDUZIONE DI ABORTI (ricordiamo che un aborto effettuato presso il servizio sanitario nazionale costa da 1000 a 2000 euro, naturalmente pagate da tutti noi cittadini!!! ) e garantire alle prostitute la possibilità di godere di una futura pensione, e di portare nelle casse nazionali un FORTE QUANTITATIVO DI DENARO sotto forma di TASSE, denaro che avrà una funzione importante nel ridurre il debito pubblico..

Come rispondere nel migliore dei modi a tuttI QUESTI ASPETTI?

Ci abbiamo pensato lungamente ed abbiamo scelto di collocare la prostituzione all’INTERNO DI LUOGHI PROTETTI che garantiscano sia LA sicurezza e la salute delle persone che la esercitano , che la possibilità di poter ABBANDONARE TALE ATTIVITA’ IN QUALUNQUE MOMENTO.

Abbiamo articolato la proposta di legge nei seguenti punti :

1 L’esercizio della prostituzione deve essere permesso solo in LUOGHI PROTETTI adibiti a tale scopo e costituiti da CASEGGIATI con l’accesso tramite un LOCALE PUBBLICO al piano terreno adibito a BAR LOCALE NOTTURNO, per esempio, aperto a tutti.

.Dal BAR i clienti che lo desiderano potranno accedere ai Locali riservati dove potranno trovare compagnia femminile oppure maschile…
Il personale avra’ un abbigliamento elegante, da mezza sera o da sera a seconda dell’orario, e comunque decoroso.

2) L’ESERCIZIO DELLA PROSTITUZIONE sarà permesso esclusivamente a CITTADINI E CITTADINE ITALIANE . Il divieto agli stranieri ha lo scopo di tutelarli da imposizioni coatte collegate ad eventuali minacce nei confronti dell’incolumita’ dei familiari che risiedano nella nazione di provenienza.
.
3) Le prostitute ed i prostituti avranno accesso alla casa di prostituzione tramite regolare domanda che sarà presentata alla direzione della casa stessa.

4) Abiteranno fuori dalla casa e vi accederanno e ne usciranno tramite un ingresso riservato posto sul retro
Potranno interrompere l’attività in qualunque momento con preavviso di 30 giorni.

.
. 4) bis L’accesso al bar sara’ come gia’ detto, aperto a tutti. L’accesso ai locali riservati sara’ possibile solo a persone che ABBIANO SUPERATO I 21 ANNI.
.
5) La salute delle donne e degli uomini che lavoreranno nel locale sara’ tutelata attraverso una VISITA MEDICA SPECIALISTICA MENSILE e saranno adottate le precauzioni necessarie a proteggerli da malattie di qualsiasi tipo
E’ proibito ogni tipo di rapporto senza l’uso del preservativo.
Per un basilare rispetto verso le persone con le quali si intrattengono, i clienti sono tenuti a far una doccia prima del rapporto. Ove rifiutassero saranno accompagnati all’uscita.

6) Finito l’incontro i clienti saranno accompagnati ad una terza uscita riservata, dalla persona con la quale si sono intrattenuti e pagheranno alla cassa posta vicino all’ uscita in base al tempo ed alle tariffe della casa.

7) Ogni casa avere almeno sei persone adibite alla sicurezza; almeno quattro persone adibite al locale , almeno altre quattro persone adibite alle casse ed un servizio di pulizie continuo per le stanze.
Per questioni igieniche basilari queste dovranno essere pulite e disinfettate velocemente col cambio di lenzuola ad ogni accesso.

8) Le persone che vengono assunte nelle Case e adibite alla prostituzione saranno regolarmente assunte con CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO. Avranno turni di lavoro alternati con un massimo di sei ore giornaliere e di sei incontri al giorno.

Le donne con figli piccoli da accudire dovranno essere collocate in orario compatibile con l’orario degli asili e delle scuole.
Vicino ad ogni casa dovra’ essere a disposizione un minialloggio con servizi destinato all’accoglienza dei figli piccoli di madri sole.

Qualora le condizioni di salute ( la presenza di malattie sessuali o contagiose o facilmente trasmissibili ) oppure l’eta’ rendessero impossibile l’esercizio della prostituzione ,le persone DOVRANNO ESSERE ADIBITE AD ALTRI LAVORI, sempre all’interno della Casa e NON POTRANNO ESSERE LICENZIATE.

E’ previsto il trasferimento ad altre Case, previa INDEROGABILE ACCETTAZIONE dei dipendenti interessati. .
I O le dipendenti possono chiedere per motivi personali il trasferimento ad altre Case, anche in altre regioni.

9) I dipendenti del locale saranno assunti a tempo indeterminato e verranno pagati come da contratto di lavoro. Le persone che esercitano la prostituzione riceveranno un regolare STIPENDIO INIZIALE variabile fra i 1500,00 ed i 2000,00 mensili netti oltre alla 13° mensilità. La variazione di stipendio di cui sopra sara’ da rapportarsi alla preparazione culturale e generale dei dipendenti ed al livello della casa di prostituzione..Sono previsti almeno tre livelli con prezzi rapportabili.
Le prostitute potranno anche essere mandate, su richiesta , a casa dei clienti. In tal caso dovranno essere accompagnate da un autista-guardia del corpo che avra’ il compito non solo di accompagnarle ma di vegliare sulla loro incolumita’.

10) La gestione delle Case sarà affidata ad un dirigente coadiuvato da un vice dirigente. Essi avranno la responsabilità di dirigere il bar e la casa , di garantirne la sicurezza , di curare attentamente sia la presentazione che la manutenzione e l’igiene dei locali che prenderanno in gestione con assunzione quinquennale, rinnovabile per una sola volta per ogni singola casa. Riceveranno un regolare stipendio.

11) Le persone che lavorano nelle Case dovranno ESSERE LIBERE D’ INTERROMPERE L’ ATTIVITA’,LICENZIANDOSI IN QUALUNQUE MOMENTO fatto salvo il periodo di preavviso di 30 (TRENTA) GIORNI.

12) Chiunque COSTRINGA una persona alla prostituzione oppure la TRATTENGA contro la sua volonta’ all’interno di una CASA allo scopo di indurla a prostituirsi, sara’ denunciato penalmente per il reato di “RIDUZIONE IN SCHIAVITU'”

13) Proprio perche’ e’ importante mantenere una situazione di serio controllo, onde tutelare la salute delle persone addette e della popolazione, ci saranno SANZIONI nei confronti di CHIUNQUE ESERCITI LA PROSTITUZIONE FUORI E INDIPENDENTEMENTE DALLE CASE .

In tal caso il soggetto sara’ passibile di UNA MULTA PARI A 4.000,00 EURO ed alla REQUISIZIONE triennale DEL LOCALE O DELL’ AUTO utilizzati per gli incontri se locale ed auto sono suoi.. ed a TRE ANNI DI CARCERE effettivo.
Non POTRA’ USUFRUIRE DI RIDUZIONI, DI SCONTI DI PENA O DI INDULTI..

14) Per dissuadere chiunque dall’ intrattenere incontri con prostitute o prostituti al di fuori delle case ,sara’ disposta la requisizione e la vendita all’ asta entro tre MESI del veicolo utilizzato per l’incontro occasionale, se appartenente al cliente.
Se il locale UTILIZZATO PER LA PROSTITUZIONE ILLEGALE non e’ in proprieta’ma in locazione, dovra’ restare chiuso per un anno, soggetto a sequestro, senza corresponsione di canoni d’affitto.

15) Nell’ingresso del LOCALE BAR dovrà essere esposto il cartello contenente il COSTO delle consumazioni
Le due sale d’accesso ai Locali di incontro DOVRANNO ESPORRE IN MODO CHIARO I COSTI ORARI.

16) I CLIENTI POTRANNO ACCEDERE ALl’AREA RISERVATA DIETRO PRESENTAZIONE DI UN DOCUMENTO D’IDENTITA’
Come gia’ detto, i clienti saranno accompagnati all’uscita retrostante il locale dai prostituti o dalle prostitute che hanno eseguito le prestazioni, onde verificare che queste non abbiano subito ne’ maltrattamenti ne’ violenze.

17) Per quanto riguarda l’utile delle Case, detratti gli stipendi , le contribuzioni ed i costi di gestione,l’utile netto verra’ diviso in due parti:La prima corrispondente al 20 % sara’ ripartita a fine anno fra tutto il personale della Casa, mentre la seconda sara’ integralmente versata nelle casse dello Stato con voce da indicarsi e verra’ utilizzata per coprire i deficit di Bilancio

18) Sara’ possibile aprire CASE DI PROSTITUZIONE SOLO in CITTA’ CHE SUPERINO i 100.000 ABITANTI.
Le SOCIETA’ S.A.S. intenzionate a gestire tali case presenteranno domanda alla prefettura locale la quale , fatti gli accertamenti civili e penali entro tre mesi, potra’ approvare o negare l’autorizzazione. Alla domanda dovra’ essere allegata la planimetria del locale indicante la futura disposizione delle camere, dei servizi.. dei saloni..delle uscite di sicurezza…dei parcheggi.

19) Si invita ad approfondire il presente testo di legge, presentando eventuali aggiunte entro 30 gior

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *