9 dicembre 2015 Richiesta alla conferenza di Parigi

Gentile Sig.Augias rubrica.lettere@repubblica.Ito C.augias@repubblica.It

Le scrivo poiché pare che nessuno parli dell’inquinamento da campi elettromagnetici che sta diventando sempre più diffuso, denso e pericoloso.
Per influenza elettromagnetica intendo tutto…dai ripetitori satellitari, ai ripetitori delle compagnie telefoniche…a tutti quei segnali che si diffondono attraverso l’etere e che ne modificano la consistenza. …Penso che oggi i campi elettromagnetici siano la causa principale di surriscaldamento del pianeta terra. Come mai nessuno ne parla?
Eppure gli Stati Uniti seguono da almeno vent’anni programmi di utilizzo dei campi elettromagnetici a scopo militare…volti a produrre la desertificazione di interi territori nemici, con scenari apocalittici! .Questa notizia ere stata anche riportata dai giornali di mezzo mondo…E poi il silenzio.
Il problema elettromagnetico non viene neppure considerato dalle grandi potenze ed invece è importante che venga affrontato ed approfondito come tutti gli altri fattori d’inquinamento. I campi elettromagnetici tra l’altro, attraversando i nostri corpi ne modificano anche la consistenza eterica… Rendono i nostri corpi più attaccabili dalle malattie? Anche questo è un aspetto importantissimo, considerando i 111 miliardi di preventivo per la prossima spesa annua sanitaria italiana.. (!)

Vorrei quindi rivolgere, tramite la Sua rubrica, un appello a studiosi e scienziati affinché il problema dell’inquinamento elettromagnetico, che ormai avvolge totalmente la terra, venga considerato in tutta la sua gravità, alla pari degli altri fattori inquinanti, e che, quindi qualche capo di stato incominci a programmare modi e soluzioni per ridurlo efficacemente.

La saluto cordialmente…Paola Cavagnino ..farebenepolitica.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *